sabato 19 gennaio 2013

Pici limone, bottarga e mirto bianco


I pici li adoro.
In Toscana ho mangiato bei piatti di pici fumanti con gusto, ma l'idea di prepararli in casa, senza davvero saperlo fare, non mi sconfinferava per niente. Alla fine ha vinto il richiamo dell'Emmetichallenge, ho voluto provare, del resto il senso è questo, no? Provare ricette che non ti aspetteresti mai di portare in  tavola...
Per il condimento dopo mille dubbi e ripensamenti ho scelto due elementi tipici della cucina Sarda:
la bottarga di muggine, sapida e saporita, è il prezioso caviale ambrato tipico della mia bella isola; e le foglie di mirto bianco con il loro profumo dolce e delicato, da cui si ricava un liquore e con cui si aromatizza il porcetto.
Una grattata di limone et voilà, eccovi i miei pici.



una porzioni di pici di Patty
1 spicchio d'aglio
olio evo
2 cucchiai colmi di bottarga grattugiata
un limone bio
un peperoncino
poche foglie di mirto bianco
Soffriggete il peperoncino e lo spicchio d'aglio tagliato a metà con abbondante olio. Grattugiate la scorza di limone.
Spegnete il gas, unite al soffritto la scorza di limone e le foglie di mirto bianco; nel frattempo lessate i pici, saltateli nell'olio, unite la bottarga e servite immediatamente.



36 commenti:

  1. una ricetta interessantissima nella sua semplicità!perfetta.bacione

    RispondiElimina
  2. Foto sensazionali e ricetta strepitosa, cheddddire. bravissima. eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara grazie, li ho fatti anche la scorsa settimana ma le foto son venute uno schifo, quindi stavolta ci ho messo più impegno :)

      Elimina
  3. che bella idea un piatto molto raffinato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, è la magia della bottarga hand made di mio babbo :D

      Elimina
  4. Risposte
    1. Che carina Vale :) ma tu partecipi? Daaai!

      Elimina
  5. Spero che tu mi creda se l'idea era venuta anche a me. Io tanto non partecipo, quindi non fa niente, ma il pensiero di grattare la TUA bottarga su dei pici col limone ce l'avevo in testa da quando l'ho vista. Per ovvie ragioni non avevo pensato al mirto. Come sempre un piatto fantastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Celeste corrispondenza d'amorosi sensi ;)

      Elimina
    2. Soprattutto di quello che comincia per "g" :-)....

      Elimina
    3. Ci ho riprovato. Rosmarino al posto del mirto che in Ile de France a gennaio, ecco mi han detto che 1) le serre non ce l'hanno e 2) è un tantino fuori km 0.
      La mancanza del mirto me la consola soltanto quel magnifico capolavoro ambrato di cui farei la mia sucette, come dicono qui.
      La metterei ovunque, ne ho già fatta fuori metà e me la guardo come la cassetta di Arpagone.
      D'improvviso mi si è accesa una luce: ecco perché quest'estate avevi buttato lì che tuo papà aveva a che fare con molti, ma molti cefali e li metteva in limoncina!
      Che famiglia sopraffina.

      Elimina
  6. mi piace, ma proprio mi piace da pazzi la bottarga! e mi piacciono pure i tuoi pici :-))
    Grazie mille ragazza

    RispondiElimina
  7. l'abbinamento bottarga-limone mi piace molto e non l'avrei mai immaginato su dei pici...ma il risultato mi sembra ottimo: brava! cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda ho mavuto mille dubbi per lo stesso motivo, ma alla fine il risultato ci ha soddisfatti!

      Elimina
  8. Wow, complimenti!! Bel piatto e bell'accostamento di sapori!!

    RispondiElimina
  9. gnammy...questa accoppiata limone-bottarga mi ispira tanto...il mirto poi...top!!!!!!! :)
    baci

    RispondiElimina
  10. La tua ricetta mi piace moltissimo, questi abbinamenti sono insoliti per me ma mi hanno subito colpita. Me li ricorderò per una prossima piciata o anche una spaghettata..
    il tocco del mirto (che adoro) dev'essere fantastico.
    Bravissima!
    Baci
    Francy

    RispondiElimina
  11. Vuoi la verità? Io ti farei vincere subito! Anzi...IERI!! :-)
    Bellissima azzeccatissima ricetta.
    Mi piace!!!

    RispondiElimina
  12. Interpretazione unica e davvero con tanta personalità.
    Gli ingredienti che hai scelto sono così netti e riconoscibili che l'accordo finale è elegante e nitido.....gran bella, bellissima idea!
    Mirto bianco.....devo tenerlo presente e lavorarci su!!

    Saluti liguri

    Fabiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiana, il mirto bianco è davvero irrinunciabile una volta che lo provi...

      Elimina
  13. Mi piace. Mi piace davvero tanto questa ricetta.
    Complimentissimi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mapi, detto da te è davvero una soddisfazione!

      Elimina
  14. Se avessi avuto tempo questa sarebbe stata la mia seconda versione, mirto escluso, che è davvero originale! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scoperto che ci abbiamo pensato in parecchie :)

      Elimina
  15. Quanto mi piacciono i sapori della tua Sardegna e il modo in cui li usi tu!

    RispondiElimina
  16. Chiara, sono davvero felice che tu abbia deciso di partecipare attratta dalla preparazione dei pici. Sarebbe stato un peccato mortale non poter godere della tua versione, che mi ha spettinato i ricordi portandomi una zaffata di salmastro della costa gallurese e mi ha messo addosso un desiderio doloroso di ritornare. Amo la tua terra di un amore irrazionale e senza limiti. Piatto veramente splendido e basico come dovrebbe essere.
    Un forte abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty non trovo le parole adatte per risponderti...grazie...

      Elimina
  17. No vabbé, ma chi sei???
    Meraviglioso questo piatto e descrizione adorabile. Adoro te e la tua terra :)

    RispondiElimina
  18. Questi pici sì che sanno di Sardegna! Eccezionali, Chiaretta, semplicemente eccezionali (ma non mi aspettavo meno, da te)

    RispondiElimina
  19. Meravigliosi i tuoi pici e meraviglioso lo scatto che ne hai fatto! Bravissima, in bocca al lupo!

    RispondiElimina