giovedì 14 giugno 2012

Milkshake al cetriolo + croque miso = pranzo in ufficio

Riprendo in mano il mio amato libro Soupes du Jour di Anne Catherine Bley per provare le sue geniali zuppe fredde che si preparano in un minuto, si schiaffano in una tazza e fanno un figurone sulla scrivania all'ora di pranzo :P


Per 6 porzioni (io ho dimezzato le dosi)
1 cetriolo
1 cipollotto fresco 
75 cl di latte
2 yogurt al naturale
sale
aneto (ma anche basilico, coriandolo, menta...)
Frullate insieme lo yogurt, il latte, il cetriolo e il cipollotto. Aggiustate di sale, unite l'aneto e servite ben freddo.
Per accompagnare bastano due minuscoli croque monsieur, ovviamente in versione strampalata e jap!
Per il patè di miso (io ho dimezzato le dosi)
1 cucchiaio di miso
3 cucchiai di tahini (ma anche purè di mandorle o di altri semi)
2 cucchiai d'acqua (li ho omessi)
1/2 scalogno tritato (io ho usato spring onion anche qua!)
2 cucchiai di erba cipollina (li ho omessi)

Frullate tutto insieme e poi aggiungete al patè 2 cucchiai di semi (io sesamo) per dare un tocco croccante.
Io ho preparato i miei croque miso con pane di semola home made :)

Questa ricetta viene da un libro pieno di spunti interessanti, Cuisiner les ingrédients Japonais di Clea.

18 commenti:

  1. ma queste zuppe fredde sono una genialata! ... mmm... ecco che tutte le volte che vengo sul tuo blog mi ritrovo a pensare "cavolo questa devo provarla!!"! :) abbiamo due stili in cucina completamente diversi, ed è per questo che mi piaci così tanto! perchè arrivi in cose dove io, senza di te, non arriverei mai!! bacino!

    RispondiElimina
  2. Hai ragione Sere siamo diversissime e abbiamo da imparare l'una dall'altra :) questo tuo commento mi ha cambiato la giornata, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, spero di avertela cambiata in meglio eh! :) altrimenti mi sento in colpa!!! :)

      Elimina
  3. ...nel nostro ufficio a pranzo si urla: "PIzzaaaaaa?!" . Se portassi questa zuppa mi riderebbero dietro :-) Curiosa sì, come tutti i tuoi post, ma che te lo dico a fare? Giappone sta arrivandoooooo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel ns ufficio invece essendo quasi tutte donne yogurt, pesce al vapore, hammam o palestra non c'è altra possibilità!

      Elimina
  4. Peccato che ci sia il mio mortale nemico il cetriolo, in questa zuppa fredda.. Ma l'idea della zuppa fredda mi piace assai, e sperimenterò presto, spero... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuly puoi sostituirlo con il melone bianco secondo me :)

      Elimina
  5. Che freschezza!! Bellissimo e hai ragione, chissà le tue colleghe come ti odiano dall'alto delle loro pennette al pomodoro barilla riscaldate :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Per domani mi vorrei preparare la tua zuppa di melone piccante, mi mandi la ricetta? Perchè quella sarà la vera svolta :)

      Elimina
    2. L'ho programmata per domani :)

      Elimina
  6. Uhm mi servono proprio delle idee per la pausa pranzo!Da quando sono a Londra ogni tanto mi preparo il pranzo a casa e l'idea delle zuppe fredde mi piace molto (anche se visto il tempo potrei optare anche per quelle calde!)

    RispondiElimina
  7. Anche io adoro le zuppe fredde, ne avevo una per cena anche ieri sera...la vedrai presto.
    Questa è subito copiata!

    RispondiElimina
  8. Ah così poi io mi copio la tua :)

    RispondiElimina
  9. siiiii w lw zuppette fredde!! io ne partorisco a gogo l' estate.. mi piacciono moltissimo! il libro di cui parli non ce l' ho (non ancora almeno.. ahah..) e dunque rubacchio a te la ricetta e la sperimento domani. ti faccio sapere se ti fa piacere! un bacione chiarina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E certo che mi fa piacere sapere se l'hai gradita :) il libro è troppo bellino, ma non hai bisogno di comprarlo, trovi tutte (o quasi)le ricette qua da me :P

      Elimina
  10. Ma fanno un figurone sul serio. Quando si parla di pranzo in ufficio uno pensa subito a delle robe tristissime e invece guarda qui che chiccheria! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. Pranzetto leggero e very cool, da rifare senz'altro!

    RispondiElimina