sabato 29 dicembre 2012

Jerusalem artichoke gnocchi


Il topinambur, questo sconosciuto. 
A queste latitudini non se n'era mai visto uno, e a dirla tutta la cosa non mi preoccupava troppo: il nome era legato all'immagine di vellutate un pò smorte viste in rete, e niente più. 
Finchè mia sorella decide di portare da Londra una vaschetta di Jerusalem artichokes, meravigliosi tuberi dal nome accattivante; ovviamente mi son messa subito a cercare una ricetta in rete e scopro insieme che i jerusalem artichokes sono topinambur e che l'unica ricetta che mi ha colpita è della Ale (ti abbraccio, anzi ti spupazzo virtualmente: sei la meglio :P ).
Piccolo il mondo...godetevi questi gnocchi spettacolari!


Per gli gnocchi:
300 gr di patate farinose
200 gr di topinambur
200/250 gr di farina (integrale per me, avevo solo quella)
Per condire:
burro ammorbidito
bottarga grattugiata



Per prima cosa sbucciate i topinambur, lavateli e tagliateli a tocchetti. Fateli insaporire in una padella con poco olio per qualche minuto, salateli e copriteli d'acqua. Dopo circa 15 min saranno pronti per l'uso.
Lessate le patate, sbucciatele ancora calde e schiacciatele con lo schiacciapatate direttamente sul piano di lavoro, leggermente infarinato.
Per quanto riguarda i topinambur, Alessandra suggerisce di  passarli al frullatore, per eliminare ogni filamento, e io così ho fatto. 
A questo punto unite le due puree e aggiungete la farina, 200 o 250 gr. a seconda di quanto liquido hanno assorbito i tuberi. Io faccio sempre la prova buttando uno gnocco nell'acqua bollente per vedere se tiene la cottura, altrimenti procedo aggiungendo gradualmente la farina.
Dividete l'impasto in filoncini e tagliate gli gnocchi.
Lessateli in acqua bollente salata e conditeli con un ricciolo di ottimo burro morbido (non sciolto!) e un cucchiaino di bottarga.

9 commenti:

  1. Ho una vaschetta di topinambur da un po' in frigo...la bottarga è arrivata in dono per Natale...proverò! Auguri Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che bello, fammi sapere se ti piacciono!

      Elimina
  2. Io avevo fatto una zuppetta di topinambur ma i gnocchi sono molto piu' sfiziosi!!! con la bottarga ancor di piu'!!!
    Ti faccio anche gli auguri di buon fine anno e spero che il 2013 ti porti tutto cio' che desideri!!!!
    un bacio

    RispondiElimina
  3. Questi gnocchi sono un'idea fantastica! Credo che mio padre potrebbe uccidere per un mix di topinambour (che qui in Piemonte si chiamano ciapinabò -lo scrivo come si dice) e bottarga.
    Grande idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuly ma hai visto la versione originale di Ale? Da sbattere la testa al muro per quanto devon esser buoni i suoi gnochi!

      Elimina
  4. Sono assolutamente strepitosi! E la tua bottarga è favolosa, sopra. Poi cromaticamente è un effetto così bello. Ho usato una farina semintegrale perché mi pare si senta meglio la bottarga. Ne sono diventata dipendente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente con la farina semintegrale sono migliori, presto li rifarò seguendo il tuo consiglio *_*

      Elimina
    2. Gnam, seconda razione, gnam. Un monumento a te e a quel provveditore di tuo padre (spacciatore suona un po' ingrato, ecco)!

      Elimina