mercoledì 25 aprile 2012

Flapjacks

In origine fu la torta mars, il dessert for dummies onnipresente nelle feste di compleanno/merende a casa delle mie amichette delle elementari. 
Solo mia madre sosteneva di non saper fare quel dolce, il mio preferito, e questo mi aveva confinata ai margini della scala sociale: la torta mars non era solo croccante e cioccolatosa, era uno status symbol.
Piena di disappunto ingoiavo cucchiaiate di soufflé alle fragole. Mia madre era in un periodo soufflé compulsivo (ma da chi avrò preso?) e io e i miei fratelli ce li sciroppavamo in ogni salsa, uno più terrible dell'altro. 
Per farvi capire il livello sappiate che la Barbie di mia sorella preparava il soufflé a Ken...
Cooomunque, dicevamo: la torta mars. Mi sono rifatta di tutte quelle perse in gioventù grazie alla mia amica Claudia, la donna con il dolce giusto per ogni occasione, che me ne regala spesso enormi teglie. 
A me la torta non viene mai buona come la sua.
Oggi cercavo ispirazione per consumare un pacchetto aperto di fiocchi d'avena e mi sono imbattuta nella ricetta dei flapjacks. Ho letto di che si trattava, e ho immediatamente deciso di farli. A parte l'uso dei fiocchi d'avena al posto dei rice crispies la ricetta è quella della torta dei sogni della mia infanzia.


450 gr di fiocchi d'avena
100 gr di cioccolato fondente
150 gr di golden syrup (io ho usato miele millefiori)
100 gr di burro
Per decorare
100 gr di cioccolato bianco
Preriscaldate il forno a 180°.
In una padella fate fondere il burro e il cioccolato, e a fuoco spento aggiungete il miele e i fiocchi d'avena. Mettete il composto su una teglia foderata di carta da forno e cuocete per 20 min.
Togliete la teglia dal forno e fate intiepidire il dolce, poi tagliatelo a quadrotti (prima che sia freddo, altrimenti si fa in mille briciole) e decoratelo con il cioccolato bianco fuso.
La ricetta è tratta dal libro "barres de céréales, muesli et granola maison" di Rachel Koo. E' un libro che sfoglio in continuazione per le ricette e le meravigliose foto di Akiko Ida.

20 commenti:

  1. oggi, stavo giusto pensando a come creare qualcosa di simile al mars :) ottima combinazione cioccolato+fiocchi d'avena! ciao

    RispondiElimina
  2. Tesora, questa torta non mi è mai piaciuta perchè non mi sono mai piaciuti i Mars. Mi hai fatto schiattare dal ridere quando hai scritto che la Barbie di tua sorella preparava i soufflé a Ken.... ahahahhaha!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) cara prova questa versione senza mars, è davvero deliziosa!

      Elimina
  3. Mahuahahua!
    NOn avevo mai associato i souffle di Barbie con la fase 'souffle' di mamma.
    Li faceva anche al formaggio e bietole, te li ricordi???

    I flap jacks sono stupendi btw

    xxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SORELLAAAAA!!!! Oh mamma leggere il commento della mia quasi cugina é emozionante quanto aprire zeroincucina.blogspot.com e vedere che c'é un post nuovo.
      Ad ogni modo, soufflé formaggio e bietole non si può vedere, povere voi e povero ken.

      PS: In che fase siamo ora?

      Elimina
  4. Eri inconsciamente condizionata! Ti ricordi quello ai finocchietti selvatici?

    RispondiElimina
  5. Questi li conosco evvai!!!!!! Pero ' le foto a me vengono sempre così così ! Ho un libro di ricette inglesi e ci sono anche questi:-) li ho fatti da portare a lavoro e sono stati spazzolati!!!!! Baci

    RispondiElimina
  6. Psicopatica, chiaro.
    Ma questo blog é un po' come casa, un po' come quei posti che sai sono sempre aperti e poco importa cosa scrivi, sai che qualcuno lo leggerà. Per cui chiedo venia per i miei commenti idioti.

    TORNANDO A NOI.
    Esilarante la storia dei sufflé! Ahha anch'io sono monotematica a volte, per un periodo non ho fatto altroceh cucinare piselli, poi solo pesche, poi solo ravioli... Chissà se i miei figli obbligheranno la povera Barbie (sempre più anoressica e zoccola) a far mangiare Ken?? :)
    Un abbraccio, sei la migliore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammore sempre e solo porte aperte qua per te :)e soprattutto sono benvenuti i commenti che non c'entrano niente con il post, il blog, il mondo...è sempre bello quando passi di qua :)
      Tornando a noi: hai visto i biglietti?

      Elimina
  7. ciao chiara :*
    bellissimo questo post... mi hai fatto sorridere hihi
    vedo che sotto quei dolcetti slurposi ci sono dei ferri da maglia... ti destreggi? bacione

    RispondiElimina
  8. Ely :) sto iniziando a imparare!

    RispondiElimina
  9. Ok, la torta al mars è una news per me (e il pensiero un po' mi inquieta, lo ammetto).. ma questi flapjacks sono deliziosi, me lo sento.
    Le foto sono splendide *_____*

    RispondiElimina
  10. Non ho idea di cosa sia la torta mars, ma mi fa un po paura veramente... i flapjacks invece li conosco ma li trovo troppo dolci, forse col miele sono meglio che con il golden syrup! Che cosa stai facendo a maglia?

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Ale i miei non erano troppo dolci, ti consiglio di provare questa ricetta.
      La torta mars non è così inquietante: si tratta di barrette di mars sciolte con cui si mescolano i rice crispies. Si fa raffreddare e si taglia a barrette.
      In fondo non è così diversa dai flapjacks e infatti il sapore si somiglia :)

      Elimina
  11. la torta mars l'ho sentita nominare migliaia di volte ma non l'ho mai fatta!
    Cavolo devo darmi da fare!

    RispondiElimina
  12. Non ci posso credere!! hai cambiato l'intestazione della pagina!! Pensa che un mio amico grafico sta facendo la stessa cosa sul mio e cambierà nei prossimi giorni.. Siamo cuggggine anche nei cambiamenti! :)
    un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo ma dai! Ah, non vedo l'ora di vederlo :)
      Cugggine forever

      Elimina
  13. Che buoni! Sempre amati! Sarà per il golden syrup! Mi hai fatto voglia di farli!

    RispondiElimina
  14. Grazie per la tua ricetta, proprio oggi ho fatto un post dove anche io li ho preparati con l'ausilio della tua ricetta!
    Il tuo blog è davvero molto bello, complimenti

    RispondiElimina