sabato 15 giugno 2013

Salade Périgourdine con faux gras

Non ho mai prestato molta attenzione alle insalate: a casa mia si mangia spesso un'insalata come piatto unico, ma gli ingredienti sono semplicemente quelli che ho già nel frigo, spesso degli avanzi.
In ristorante penso di non averne mai vista una degna di assaggio, e riflettendoci mi pare che in generale siamo in molti a sottovalutare l'importanza di questa portata.
Fino ad oggi...perchè subito dopo l'annuncio della ricetta di Leo ho iniziato a documentarmi, e ammetto che sento di sapere ancora troppo poco sull'argomento, ma sono felice di aver scoperto un orizzonte nuovo da esplorare!
Quella che vi racconto oggi  è un'insalata tipica del Périgord, la regione del sudovest della Francia famosa per la gastronomia raffinata e per la produzione di tartufi e del celebre foie gras, ingredienti sontuosi che mi sembrano perfetti per un piatto dal fascino retrò che sa di Belle Epoque.
Lo Chef Michel Roth l'ha voluta sul menù del Ritz a Parigi e io l'ho scelta per questo Emmetichallenge :P ma in versione vegana (no, non posso lasciare il mondo come l'ho conosciuto, non c'è verso).


Ingredienti per 2 persone:
due fette di faux gras
1 piccolo cespo di lattuga
70 gr di noci sgusciate
sale
pepe nero
olio al tartufo
aceto di mele
Sistemate su un piatto la lattuga, le noci e il faux gras. In un barattolino versate l'olio, l'aceto, il sale e il pepe, chiudete bene il vasetto con il tappo e scuotetelo bene per amalgamare la vinaigrette. Irrorate l'insalata e servite.


Per una terrina di faux gras:
200 gr. di lenticchie
una piccola carota
un pezzo di sedano
uno spicchio di cipolla
una foglia d'alloro
un cucchiaio colmo di tahina
un pizzico di curcuma
sale
olio
4 cucchiai di latte di cocco cremoso
1/2 gr. di agar

Ammollate le lenticchie per una o due ore.
Preparate un battuto con cipolla, carota e sedano e fatelo soffriggere con un giro d'olio buono; aggiungete le lenticchie scolate, l'alloro e acqua q.b. per farle cuocere fino a disfarsi.
Eliminate l'alloro, aggiustate di sale e mette da parte. 
In un pentolino portate a bollore 250 ml d'acqua e unite l'agar; fate sobbollire per mezzo minuto e poi versate il liquido in un contenitore insieme alle lenticchie e passate tutto al minipimer fino ad ottenere una purea omogenea. 
Versate la crema di lenticchie in una terrina, livellate la superficie e lasciate che si intiepidisca.
Mescolate il latte di cocco con un pizzico di curcuma; portate a bollore due cucchiai d'acqua e versateci la punta di un cucchiaino di agar, unite il latte di cocco e lasciate sobbollire per mezzo min. 
Versate il latte di cocco tiepido sopra il "fegato" di lenticchie rappreso.
Fate riposare in frigo fino al momento di servire.
Una piccola nota su questo faux gras meraviglioso: morbido, sontuoso, delicato...io me ne sono innamorata! Anni fa ho assaggiato il foie gras e mi è piaciuto tanto, ma per motivi di coscienza preferisco non mangiarlo più; questo ovviamente è un'altra cosa, ma davvero non ha nulla da invidiare all'originale. 





28 commenti:

  1. Io invece le insalate le adoro, non potrei proprio viver senza. Non passa un giorno senza che io mangi un'insalata. Persino quando vado in montagna me la ficco nello zaino. Quindi son sempre alla ricerca di idee nuove e particolari, proprio come la tua. La terrina e ' una bella scoperta

    RispondiElimina
  2. Anch'io adoro il foie gras e quando ho notato dal mio blog il "faux gras" ero troppo curiosa di sapere cosa avessi combinato. E l'idea è grandiosa, soprattutto perchè mi piace tantissimo l'unione del latte di cocco con le lenticchie ^_^!
    Insomma, dopo la versione di Julia Child della Caesar Salad, devo assolutamente provare la tua versione della Salade Périgourdine :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea nasce dal fatto che ho quintali di lenticchie da smaltire :P

      Elimina
  3. mi ispira davvero tantissimo il tuo faux gras, lo voglio provare al più presto! Carolina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii fammi sapere come va!

      Elimina
    2. purtroppo mi è rimasto un po' molle (non sono molto esperta nell'utilizzo dell'agar agar :-) ma riproverò a breve perchè il gusto è buonissimo! Carolina

      Elimina
    3. oh probabilmente le tue lenticchie avevano già assorbito molta acqua per conto loro...se riprovi aggiungi meno acqua, a me l'impasto era venuto della consistenza della crema pasticcera

      Elimina
  4. Ussegnur, Chiara... ussegnur...
    ma mi hai lasciato senza parole, guarda... e ti assicuro che ce ne vuole... la salade perigourdine è un classico della gastronomia francese e ti anticipo che ci stiamo lavorando con la redazione del blog... ma questo faux gras mi ha davvero sorpresa- e in positivissimo, sia chiaro! sei sempre una fonte inesauribile di scoperte, tutte all'insegna della leggerezza, dell'eleganza e della classe. Ma stavolta, ti sei superata. Non so come finirà la sfida, ma ti so dire dove finirà questa ricetta- nellamia to do list, pure cerchiata di rosso. Strepitosa...

    RispondiElimina
  5. Il fois gras vero verissimo doc è forse la cosa che più amo al mondo.
    Farò la tua ricetta, dato che non c'è arcolaio né fagiolo di mezzo, e che mi piacciono le lenticchie, ma non so se avrò il coraggio di chiamarla con quel nome lì...
    in sé è splendida, come sempre le tue invenzioni.

    RispondiElimina
  6. come sempre sei geniale che ti devo dire?! straordinaria!!!

    RispondiElimina
  7. il faux gras è una figata pazzesca, originale l'idea, perfetto il gioco di parole e gli ingredienti mi sembrano ottimi, lo proverò quanto prima!!!
    nell'insieme, l'insalata è elegantissima, complimenti!
    CristinaG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grassie Cri! Sono contenta che la mia insalata stia riscuotendo tutto questo successo!

      Elimina
  8. Ma meno male che non lasci il mondo così come l'hai conosciuto! Guarda che roba che mi hai tirato fuori! Sei un genio, tu, io l'ho sempre detto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh! Se fai un giro in rete puoi trovare tante altre ricette per il faux gras, una più bella dell'altra :)

      Elimina
  9. il faux gras devo dire che mi entusiasma! eccellente alternativa per un'insalata blasonatissima. Tema colto in pieno, no?

    RispondiElimina
  10. Raffinatissima e particolare, con un vero tocco di classe :)

    RispondiElimina
  11. ciao chiarina, davvero un tocco di classe... che dire. ho assaporato la faux grass, l'anno scorso, portata dal mio capo dalla francia...sua moglie è francese. E' durata un nano secondo, tant'è che la mai mi ha subito rimproverato per la mia ingordigia. -Leo ma potevi lasciarmene un poco- ed io giustificandomi- e beh era solo un pate' francese...non sapevo quello che dicevo. ora non mi resta che inchinarmi ogni qual volta sento parlare della faux grass...ahahaha.... grazie mille chiarina davvero ottima ricetta...daltronde quando si parla di un piatto appartentente del menu' ritz di parigi che cosa si puo' aggiungere?

    RispondiElimina
  12. Genialissimo questo faux gras che caratterizza un'insalata che già di per se' è meravigliosa!!!
    Non dico che una preparazione del genere è capace di convertirmi al veganismo, questo mai, ma io il faux gras lo DEVO fare, non c'è storia!!!!!!

    RispondiElimina
  13. I found your recipe on the Foodgawker and it sure does look good....faux gras salad......nice post and I can't wait to try it. Hi! I would like to invite you to join us at my weekly Clever Chicks Blog Hop: http://www.the-chicken-chick.com/2013/06/clever-chicks-blog-hop-39-plus-nest-box.html


    I hope you can make it!
    Cheers,
    Kathy Shea Mormino
    The Chicken Chick
    http://www.The-Chicken-Chick.com

    RispondiElimina
  14. splendida! e ho scoperto l'esistenza del faux gras, che non conoscevo assolutamente! da provare!
    Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Mi unisco anch'io al coro. Geniale! io mangio un sacco di insalata e cerco sempre nuove idee per aggiungerci qualcosa di sostanzioso ma non di origine animale. Il tuo faux gras mi piace moltissimo e adoro i legumi, soprattutto in preparazioni orginali come questa.
    Grandissima!
    bacioni Francy

    RispondiElimina
  16. Che bellissima e buonissima ricetta, ottima versione non crudele del patè! ;)

    RispondiElimina