sabato 15 settembre 2012

Veggie pie con cavolfiori, olive e pecorino


Sabato pomeriggio a casa con la dodicenne, che si fa?
Si cucina ovviamente!
Mentre lei si è occupata di impastare la base della pasqualina (con la ricetta di Vittoria) io ho preparato il ripieno.
E' stato un bel pomeriggio di chiacchiere con il mattarello in mano, terminata con un profumino delizioso che ha invaso la casa e ha accompagnato la nostra cena :)
Non mi aspettavo un risultato così entusiasmante, non ho mai perso la testa per le torte salate; ma questa pasta così friabile, così incredibilmente delicata mi ha conquistata...oltre alla torta che vedete in queste foto abbiamo fatto anche delle hand pies ripiene di pere e amaretti che non ho fatto in tempo a fotografare!
Comunque conto di rifarle presto e allora ve le mostrerò.
Per la pasta:
300 gr di manitoba
30 gr di olio
150 gr tra vino bianco e acqua
un pizzico di sale
Impastate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido ma non appiccicoso e dividetelo in 5 palline uguali. Fate riposare coperto per 2 ore. 
Per il ripieno
1 cavolfiore
uno spicchio d'aglio
mezza cipolla
un peperoncino fresco
un pugno di olive verdi in salamoia
mezzo bicchiere di vino bianco
pecorino fresco
Preparate un soffritto con l'aglio intero e la cipolla tritata. Aggiungete il cavolo lavato e tagliato a cimette, il peperoncino e le olive. Bagnate con il vino, salate, coprite con un coperchio e cuocete a fuoco medio.
Stendete una pallina in una sfoglia sottile e foderate il fondo e le pareti di una teglia facendola debordare.
Spennellate la pasta con olio d'oliva e stendete la seconda sfoglia e poi fate lo stesso con la terza. Adagiateci dentro il ripieno di cavoli e il pecorino fresco tagliato a cubetti.
Tirate la quarta sfoglia e coprite il ripieno (sempre facendo debordare la sfoglia di lato). Appoggiate al bordo una cannuccia per soffiare aria fra uno strato e l’altro di pasta del coperchio. Ungete bene la superficie e sovrapponete l'ultima sfoglia. A questo punto pizzicate il bordo con le dita per sigillarlo (o chiudete a cordoncino) soffiate dentro la cannuccia fino a gonfiare la pasta come un palloncino, poi togliete velocemente la cannuccia e sigillate bene perchè la pasta resti gonfia.
Infornate a 180° per 40 min o fino a doratura della pasta.



30 commenti:

  1. Risposte
    1. Dal vivo era più bella :P
      Non vedo l'ora che tu pubblichi la tua!

      Elimina
  2. Ok, questa e' ufficialmente la cosa piu' bella che abbia mai visto! Geniale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, sarai mica mio marito?

      Elimina
    2. ahahahahah :) Siete adorabili

      Elimina
    3. Nooo aspè...non era mio marito! ahahaha! Ho spaventato qualche ammiratore :D

      Elimina
  3. Come al solito, ti aspettavo. E sravolta con un po' di curiosità in più, perchè mi interessava la tua reazione di fronte a questa sfoglia così essenziale e nello stesso tempo così straordianria, sia sul fronte della lavorabilità che su quello del sapore: anche se, giocoforza, sono cresciuta con una cucina praticamente priva di grassi animali e abbondante di verdure e di erbe, non sono esperta di cucina vegana: tuttavia, ogni volta che vado in qualche ristorante di questo tipo, resto sempre un po' delusa dalla pasta delle loro torte (secondo me, troppo secca) e mi verrebbe da proporre questa ricetta. Ovvio che sto zitta :-) ma tant'è la curiosità di avere un parere più competente del mio c'era sempre. Oggi non c'è più e al suo posto c'è invece tanta soddisfazione :-)
    Grazie!
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale qua siamo rimasti davvero tutti stupiti della versatilità di questo impasto, mia madre ha deciso di usarlo al posto di quello tradizionale delle panadas sarde, troppo unto, la suocera lo ha adottato per le hand pies ripiene di frutta e marmellata, e da oggi in poi sarà la mia sfoglia vegana per eccellenza!
      Grazie della tua considerazione :)

      Elimina
    2. Ma che bello come sono contenta che questa pasta piaccia a tutti!!!!!

      Elimina
  4. Si presenta benissimo, ed sarebbe perfetta per me :-).

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah Ale infatti ti ho pensata! Hai preparato qualcosa per il contest vegano? Daaai!

      Elimina
  5. oddio che bella!!!! mi verrebbe da tuffarci dentro la forchetta... o la testa direttamente!:D ottimo lavoro! proverò a rifarla! devo!

    RispondiElimina
  6. ciaoooo!!! che bella e che buona e hai pure l'aiutatante!!!! me la presti?! ,9
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se giuri che te la tieni sì :P
      è un essere adorabile ma fa un casino nero!

      Elimina
  7. Strepitosa! Avevo visto una cosa simile su un libro di cucina a base di lievitati ed era nemmeno la metà bello rispetto al tuo! :) Brava cugina!
    Cmq noto uno splendido torchon... <3 je t'aime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cugina! La dodicenne con aspirazioni culinarie ha deciso che andrà pure lei al Cordon Bleu dopo aver sentito la tua storia...però ho romanzato un pò la vicenda, le ho detto che ti sei innamorata a Parigi :P

      Elimina
    2. Ehm questa dodicenne non si chiamerà mica Sabrina? ;-)

      Elimina
  8. COMPLIMENTI!! uno spettacolo di ricetta!!! ti seguo molto volentieri! il tuo blog mi ha conquistata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben tornata finalmente e con qualcosa di degno! Non per svalutare nessuno, ma da un pezzo secondo me sei sempre la vincitrice morale della sfida.

      Elimina
    2. P.S.: ma nel tuo orto crescono già i cavolfiori?

      Elimina
  9. No, non ancora, li ho comprati. non posso resistere alla vista di un cavolfiore (fortunato mio marito che all'anniversario mi regala una cassetta di verdura anzichè le perle!)

    RispondiElimina
  10. Ha ha anche io non resisto e ora sono arrivatiiiiii!!!!
    Bellissima variante con cupolozzo croccante! mmmmmm :-)

    RispondiElimina
  11. sei davvero bravissima, il tuo pie è meraviglioso!!! un bacione

    RispondiElimina
  12. Questa pasta per torte salate deve essere divina! Voglio provarla assolutamente!!!

    RispondiElimina
  13. Ti è venuta fuori una mongolfiera, brava!!! A me non è gonfiata così :(

    RispondiElimina
  14. O.o, non mi staccherò più da questo blog! Troppo belle le ricette, anche le pie con il cavolfiore, mmmhhh...mia sorella ne andrà matta!

    RispondiElimina