domenica 24 marzo 2013

Fideuà negra con salsa al limone

MI SIETE MANCATE!
Non vedevo l'ora di rimettermi ai fornelli, scattare una foto, scrivere le mie solite due righe striminzite.
Tra suocera e mamma malaticce ho avuto poco tempo e un sacco di preoccupazioni; mio marito, mio babbo e mio fratello oltre al poco tempo e le preoccupazioni hanno anche dovuto fare i conti con la mia naturale attitudine a Comandare & Correggere.
Insomma, belle giornate per tutti!
Ora che tutti stiamo meglio (o quasi. Ho nominato babbo mio assistente per finire i milioni di cose che ho lasciato indietro in queste settimane) posso finalmente dedicarmi a preparare la fideuà.
Sono entusiasta di aver scoperto questa nuova ricetta, da Mai non mi aspettavo niente di meno; tuttavia grazie alle mie note doti di scrittrice il mio entusiasmo resterà un affare privato.


Per 3 persone
300 gr di spaghetti spezzati
3 spicchi d'aglio 
350 gr di gamberi
1 cucchiaio di nero di seppia
qualche cucchiaio di vino bianco
Per il brodo di pesce
ritagli di pesce misti
prezzemolo
una carota
sale
Per la salsa al limone:
il succo di un limone
la sua scorza grattugiata
un pizzico di sale
olio d'oliva
1 cucc.no di lecitina di soia

Per cominciare preparate il brodo di pesce. Tempo fa ho preparato un ragù di mare e avevo messo in freezer tutte le lische e le teste proprio per prepararci un brodo. Quindi ho semplicemente coperto con un lt. d'acqua tutti gli scarti, ho aggiunto qualche foglia di prezzemolo e una piccola carota, una presa di sale e ho lasciato a sobbollire fino a che il liquido non si è ridotto della metà.
Mettete a soffriggere l'aglio in un giro d'olio e unite i gamberi. Bagnateli con il vino bianco, salate e fateli cuocere a fuoco medio. Nel frattempo in una padella capiente scaldate due cucchiai d'olio, aggiungete gli spaghetti spezzati e fateli tostare; bagnateli con un mestolo di brodo per volta per non farvi scappare la cottura e per non avere un piatto brodoso. A fine cottura unite il nero di seppia e i gamberi con il loro fondo di cottura.
Per la salsa, spremete un limone, pesate il succo e versatelo in un vaso stretto e alto. Unite lo stesso peso di olio d'oliva saporito, le scorzette, un pizzico di sale e la lecitina e montate tutto con il minipimer per un paio di minuti. Servite con la fideuà.


17 commenti:

  1. brava come sempre!!! spero che tutti guariscano:)

    RispondiElimina
  2. TI INVITIAMO AD ISCRIVERTI AI NOSTRI CONTEST!
    speriamo tu faccia parte della nostra grande famiglia, partecipando con una ricetta adatta ai nostri prodotti!
    La famiglia di Cà Versa

    RispondiElimina
  3. Nero di seppia, gamberi, salsa al limone...ok, posso venire a pranzo da te oggi? :)

    RispondiElimina
  4. chiara, non avevo idea- e spero che ora si sia tutto sistemato. Però, se l'innata tendenza non è venuta meno, significa che non tutto è perduto :-) e che ci vuol altro per sfibrarti.
    Senti: il tuo entusiasmo resterà un affare privato, ma il mio no :-) e ti tocca pure sorbirtelo tutto, perchè, come sempre, ci hai preparato una rielaborazione elegante, convincente, pulita, essenziale- e di grande, grandissima classe. come sempre, sia chiaro: ma a queste cose, non ci si abitua mai :-)
    Grazie infinite e un mare di auguri, per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale non posso rinunciare all' MTC principalmente per i tuoi complimenti, il tuo entusiasmo per ogni ricetta mi mette troppo di buonumore!

      Elimina
  5. Alla faccia della fideuà per dare fondo agli avanzi del frigo!
    La mia sarà pure più studiata (che poi lo dici tu), ma non direi necessariamente meglio riuscita.
    Io la tua me la papperei a quattro palmenti.
    E, per quanto riguarda la tua affermazione iniziale, mi sei mancata anche tu! :)

    Un abbraccio, e spero che tutti i problemi (piccoli o grossi che siano) si dissolvano al più presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia Giulia :)
      procede tutto per il meglio, le vecchiacce stanno guarendo :P

      Elimina
  6. Ma ciao!!! Oltre ad essere sicuramente buonissima, è molto scenografica con quel nero lucido che fa da contrasto con il colore acceso dei gamberi. Brava, ottima scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara :)
      era buonissima in realtà, ma le foto non mi hanno soddisfatta uff!

      Elimina
  7. uuuhhh io adoro il nero di seppia! questa è una versione che non poteva non colpirmi dritta al cuore :)
    bentornata chiarinaina, ci sei mancata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh cara siamo in due, io lo metterei ovunque :)
      Che bello, quanto affetto qua!

      Elimina
  8. Risposte
    1. Parli di me o hai trovato una nuova parente blogghiana??
      Come stanno mamma e suocera? Babbo sopravvissuto come assistente?? ihih
      Bacio

      Elimina
  9. Questa versione in nero è molto interessante..

    Not Only Sugar

    RispondiElimina
  10. Dicono che il nero snellisce, ma siamo sicuri che se io scofano tutta questa fideuà, il "detto" tiene? E vorrei vedere se snellisce o meno!
    Buonaaaaaa, essenziale, precisa, saporita e bella anche da vedere!
    Salsa azzecatissima che contrasta con quel "strano dolcino" del nero di seppia... mi piace!


    Ps: sono contenta che sei tornata tra di noi e che le cose si stiano mettendo a posto, pesos.

    RispondiElimina