lunedì 19 novembre 2012

Arancine nere con ragù di seppie

Le arancine più applaudite della cena :)
Sarà che il nero sta bene su tutto (e sfina) ma queste sono effettivamente le arancine che mi hanno dato più soddisfazione.
Intanto perchè sono buonissime, poi perchè nonostante le mie variazioni mi pare che questa versione mantenga uno stretto contatto con la ricetta originale e con gli ingredienti della cucina siciliana.
C'è il ragù, il riso ha il profumo del mare, si sente una nota piccante...se non è Sicilia questa!
Anche stavolta ho seguito il procedimento spiegato da Roberta, sia per la preparazione del riso che per la lega e per dar forma alle arancine.


Per il riso
1 kg di riso originario
2,5 l circa di brodo vegetale
una cipolla medio-piccola
olio evo
sale
Per la lega
800-900 ml d'acqua
la metà di farina
una manciata di sale
Per il ragù
4 belle seppie fresche
un dito di vino bianco
1 spicchio d'aglio tritato
un peperoncino tritato
un cucchiaio di prezzemolo fresco tritato
2 cucchiai di sugo di pomodoro semplice 



Pulite le seppie. (Se ce l'hanno, togliete la sacchetta dell'inchiostro con delicatezza, servirà a colorare il riso. A me son bastate due sacchette, le altre due le ho congelate per il prossimo risotto!).
Tritatele finemente con il coltello e mettetele da parte. Soffriggete appena l'aglio, il prezzemolo e il peperoncino a fuoco basso.
Unite le seppie e lasciate che insaporiscano per qualche minuto, finchè non perdono la trasparenza e diventano bianche, poi sfumate con il vino e alzate la fiamma.
Appena il vino sarà evaporato unite il pomodoro e se serve fate restringere. Fate raffreddare il ragù.
Dopo aver soffritto la cipolla e tostato il riso l'ho diviso in 3 pentole: nella prima ho aggiunto lo zafferano (per la ricetta pubblicata ieri), alla seconda non ho aggiunto nulla per avere il riso bianco, nella terza ho sciolto il nero di seppia. Per quest'ultimo ho terminato la cottura al dente, ho immerso la terrina del riso in acqua fredda e l'ho mantecato con un cucchiaino di burro e uno di pecorino. Ho farcito le arancine con il mio ragù di seppie, le ho immerse nella lega e poi le ho impanate nel panko per un fritto croccantissimo.


Dimando pirdonanza per le foto ma queste arancine vanno servite bollenti.

30 commenti:

  1. e qund'è che cambiamo il nome di stò blog e lo chiamiamo 10 e lode in cucina?

    RispondiElimina
  2. meraviglia!! aspettavo con ansia la tua versione e devo dire che nonostante entrambe siano favolose, questa seconda con il nero m'intriga parecchio :)

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo!!Sono da mangiarsi anche solo con gli occhi, ma sono sicurissima che anche il gusto non sia niente male!

    RispondiElimina
  4. Ritorno alla grande!
    Bellissime e buone.

    RispondiElimina
  5. Sono troppo buoneeee!!!! E che belle! *_*

    RispondiElimina
  6. Che spettacolo, ecco ho già fame :)

    RispondiElimina
  7. dimando pirdonanza macari io e chiedo: ma usate il sistema di valutazione tedesco, vero, dalle tue parti? quello per cui 10 è il voto peggiore e Zero è il massimo... dimmi di sì, che sennò resto scombinata tutto il giorno1
    ma bravissima!!
    (e sì, sigh: fuori concorso...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uff, poi mi monto la testa e divento veramente antipatica :P

      Elimina
  8. E queste mipiaccionomipiaccionomipiacciono. Peperoncino a parte. Chapeau!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara è SEMPRE un piacere leggerti. Sei davvero grande :)

      Elimina
  9. Aranciniamo!!! Dai dai dai che sei favolosa!!
    Mia cuggggina é un ggggenio.

    RispondiElimina
  10. Peccato per il fuori concorso, sono bellissime e devono essere buonissime!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro l'MTC perchè ha la sezione sovversiva di ricette fuori concorso! :P

      Elimina
  11. ...peccato... resta però una bella interpretazione dei sapori, dei colori e dei contrasti siciliani....... e il piattino mi piace un sacco!!!

    :*
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhh grazie Maestra :) la tua ricetta è davvero perfetta!

      Elimina
  12. Ma quanto sono belle queste arancine in black?! Eleganti (si sa che il nero fa sempre eleganza, no?!) e devono essere deliziose... sul fatto che sfinino, però, ho dei dubbi ;)

    Baci, carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...hai ragione, non mi hanno sfinata più di tanto, e dire che ne ho mangiate 4...

      Elimina
  13. accidenti!! Queste arancine fanno proprio gola e se ci aggiungi anche tutti quei colori, io sono ancora più attratta.
    Ma carachiara, ti riesce qualcosa male in cucina??
    un abbraccio stretto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Roby chiedilo a mio marito :P
      ti abbraccio :)

      Elimina
  14. che graziose arancine di pesce! complimenti! ps lo voglio anch'io tuo marito ;PP

    RispondiElimina
  15. Hai proprio ragione, la Sicilia racchiusa in un'arancina...e nell'effetto cromatico è pure "vulcanica"! prima o poi dovrai invitarmi a cena! :)
    buona giornata!

    RispondiElimina
  16. non ho capito perchè fuori concorso, io le trovo strepitose!! complimentissimi!!
    CrisG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, è che il riso doveva essre in bianco o allo zafferano, ma non ho resistito :P

      Elimina
  17. Mi ripeto! ogni volta che passo di qui, quelle arancine mi piacciono di più! :-)

    RispondiElimina
  18. Sono geniali!!! mi piace tantissimo l'idea del nero e del ripieno di mare!!! Davvero un piatto da re!

    RispondiElimina